| Lezioni di Illuminazione | Light art – l’arte fatta con la luce

Il progresso tecnologico è strettamente connesso con lo sviluppo dell’arte fatta con la luce, la cui storia è piuttosto recente dato che le prime sorgenti luminose adatte ad un uso creativo nascono all’inizio del XX secolo.


Agli Anni 30 possiamo far risalire la prima opera di arte luminosa in senso letterale, realizzata dalla collaborazione tra un pittore Pablo Picasso, e un fotografo Gjon Mili.  Quest’ultimo fece vedere al pittore alcuni esperimenti realizzati negli anni precedenti attaccando un piccola lampadina alla scarpetta di una pattinatrice e fotografandone la scia luminosa come un disegno nello spazio.

| Pablo Picasso ritratto dal fotografo Gjon Mili | mentre con una torcia traccia in aria figure di vario tipo

Picasso afferrò una torcia e cominciò a tracciare nell’aria figure di vario tipo, mentre il fotografo, nella stanza buia, lasciava aperto l’otturatore della sua macchina illuminando l’artista, con un flash laterale, un attimo prima di terminare lo scatto.


Furono queste le origine della Light Painting che negli Anni 40 ebbe numerosissimi esponenti e continua ad essere una pratica molto diffusa anche ai giorni nostri.

| Man Ray | Space writing | 1935
| Patrick Rochon| Light Painting contemporanea

| Janne Parviainen | Light Painting contemporanea
| Light Painted Dresses| Atton Conrad per una campagna pubblicitaria
| Stephen Orlando | Light Painting

Mentre in fotografia si continuano a sperimentare “pitture luminose”, Lucio Fontana, negli Anni 50, contribuisce a rendere innovativo l’uso della luce artificiale al neon nel settore dell’arte.

| Lucio Fontana| Struttura al Neon (ca. ~1951)

Si tratta di un tubo di neon lungo all’incirca 130 metri che sembra uno scarabocchio di luce fatto in aria. Potremmo considerarlo una materializzazione dei disegni luminosi di Picasso. La carica innovativa di questa installazione – collocata sui gradini della scala della Triennale di milano – fu enorme e costituì un’anticipazione di quella che sarà poi la ricerca di artisti come Dan Flavin, James Turrel, Robert Irwin, Bruce Nauman o Mario Merz che hanno come protagonista l’uso delle fonti luminose come strumento di coinvolgimento dell’osservatore.

| Dan Flavin | Installazioni luminosa al neon


Dopo l’invenzione del neon a metà degli Anni 60 venne azionato il primo laser  in California. Da questo momento in poi alcuni artisti cominciano a rivolgere il proprio interesse  alla percezione sensoriale degli ambienti immersi nella luce e nello spazio. Nasce così il movimento  Light and Space.

| James Turrel | Installazioni luminose che esplorano la natura sensoriale dell’uomo attraverso la smaterializzazione dello spazio
| James Turrel | la ricerca del sublime

Figura chiave del movimento californiano, James Turrell creò installazioni luminose che esploravano la natura della percezione, ispirando una riflessione spirituale e mettendo l’osservatore in contatto con la natura.


Negli ultimi anni la tecnologia ha offerto agli artisti la possibilità di utilizzare nuove sorgenti luminose, come ad esempio i Led o la tenologia OLED, con il risultato di moltiplicare gli strumenti offerti alla ricerca artistica…ma di questo parleremo in seguito in un altro post….


 

 

 

Comments

  1. I’m very happy to uncover this web site. I need to to thank you for ones time for this wonderful read!!
    I definitely liked every little bit of it and i also
    have you saved as a favorite to see new things on your web site.

Leave a Reply to borvestinkral Cancel Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *